Concorso

Sei il cambiamento che vorresti vedere?

Immagini di pratiche quotidiane di sostenibilità ambientali

Nonostante il lockdown siamo riusciti ugualmente a portare a termine il concorso fotografico dal titolo «Sei il cambiamento che vorresti vedere?», una delle novità del Green Social Festival 2020.

La giuria, composta da professionistiaddetti ai lavori, rappresentanti del mondo della cultura e della sostenibilità ha ricevuto e valutato circa 60 fotografie.

Ecco i vincitori:

‘Riflessi’ di Alice Tralli è la prima foto classificata. Vince un monopattino elettrico oltre a un buono spesa da € 100 offerto da Coop Alleanza 3.0 e all’adozione di alberi a distanza messi a disposizione da BPER Banca.

‘Del passato riscoperte con gli occhi del presente’ di Letizia de Pieri è la seconda classificata. Vince un buono spesa di € 100 messo a disposizione da Coop Alleanza 3.0 e l’adozione di alberi a distanza messi a disposizione da BPER Banca.

‘Un mare di plastica’ di Elena Ragazzi è la terza foto classificata. Inoltre è anche la vincitrice del premio speciale scelto da BPER Banca. Elena si aggiudica una carta prepagata personalizzata con la propria foto e caricata con € 300.
Infine, vince un buono spesa di € 100 offerto da Coop Alleanza 3.0.

‘Trattamento acque’ di Luca Favaè la foto che ha ottenuto più likes rispetto alle altre. Vince una macchina fotografica digitale messa a disposizione da Ottica Paoletti di Bologna e l’adozione di alberi a distanza offerto da BPER Banca.

‘Maxi raccolta di mozziconi’ di Elia Ricciotti. In caso di vittoria aveva espresso il desiderio di donare il premio all’AUSL della Romagna, per aiutarli in un momento di difficoltà. Pur non avendo vinto, il Green Social Festival e Coop Alleanza 3.0hanno deciso di assegnare comunque un premio speciale di € 500 riuscendo così a fargli raggiungere lo scopo prefissato.

La Giuria

Giorgio Benassi
Responsabile sostenibilità e RSI – CSR manager presso Coop Alleanza 3.0. In particolare, si occupa di promozione di azioni volte a minimizzare l’impatto dell’attività dell’impresa sull’ambiente e a contribuire allo sviluppo economico e sociale del territorio in cui essa opera. Il servizio sostenibilità ha quindi il compito di facilitare processi virtuosi all’interno dell’impresa, in ottica di responsabilità sociale, interfacciandosi e collaborando con tutte le direzioni aziendali. Inoltre, punta a coinvolgere gli stakeholder interni ed esterni sia nella definizione delle strategie di sostenibilità sia nell’effettiva realizzazione. Per questo, una parte rilevante del piano di lavoro è dedicata ad attività di comunicazione, come ad esempio la redazione del Bilancio di sostenibilità – preventivo e consuntivo – e la progettazione di campagne di sensibilizzazione, rivolte soprattutto ai consumatori e prevalentemente sui temi ambientali.

Luca Bolognese http://www.lucabolognese.com/ Instagram @lucabolognese_ph
È un fotografo professionista, di origine salentina che vive e lavora a Bologna dal 1995. Le sue collaborazioni professionali iniziano nel 1997 con “Alba Reporter”, un quotidiano on-line della provincia di Bologna prima di arrivare alle varie redazioni dei quotidiani cittadini. Dal 1998 collabora con agenzie fotografiche e di stampa, pubblicando le proprie immagini su quotidiani locali e nazionali quali “la Repubblica”, “Il Resto del Carlino”, “La Nazione”, magazine d’attualità come “Espresso”, “D”, “Io Donna”. È fotografo ufficiale di varie compagnie di danza e di teatro. Da sempre realizza copertine per musicisti e segue attori e attrici nelle varie esperienze teatrali e cinematografiche.

Nicola Casamassima  https://www.instagram.com/nicola.casamassima2.0
Nel 1992 crea e dirige l’agenzia fotografica EIKON STUDIO. Fino al 2008 svolge l’attività di fotogiornalista di cronaca collaborando con le maggiori testate italiane (La Repubblica, Il Resto del Carlino, Panorama, L’Espresso, Donna Moderna) e realizzando reportage per testate straniere, soprattutto per conto di Irma Records, nel corso degli anni ha sviluppato lavori di documentazione fotografica su tematiche sociali e di costume culminati poi con la pubblicazione di libri e mostre personali. Ha pubblicato: “Ma… Donne” – edito dalla Granata Press di Luigi Bernardi (1993) “Hard Set” – edito da Trentini Edizioni (2000); “Sin! Sins & Secrets” – edito da Pink’O (2002); 2003 Libro fotografico per WOOLRICH – Distribuito da WP lavori in corso 2004 Libro Fotografico PEOPLE – per FERRETTIGROUP – Ferretti SpA 2009 Libro Fotografico PEOPOLL – Agenzia di Comunicazione Menabò per Gruppo AMADORI Come fotografo di scena ha lavorato in:1998 “E allora mambo!” di Lucio Pellegrini – produzione I.T.C. Movie2000 “Tandem” di Lucio Pellegrini – produzione I.T.C. Movie 2001 Film RAVANELLO PALLIDO – regia di Gianni Costantino – produzione I.T.C. Movie2003 “Come se fosse amore” di Roberto Burchielli – produzione I.T.C. Movie 2005 “E se domani” di Giovanni La Parola – produzione I.T.C. Movie2008 Cortometraggio “La ballata di un uomo brutto” di Dimitri Satris – produzione Anteprima2010 Docufiction “I casi della vita” di Corso Salani – produzione Film Kairos per ENEL2010 “Il mio domani” di Marina Spada – produzione Film Kairos2011 “L’estate sta finendo” di Stefano Tummolini – produzione Film Kairos 2011 “Studio illegale” di Umberto Carteni – produzione IBC movie2015 “L’Accabadora” di Enrico Pau – produzione Film Kairos – Mammoth Films.

Carlo Cencini http://www.cencini.it/ geografo e fotografo.
Nato a Porretta Terme nel 1941, si è avvicinato alla fotografia all’età di 15 anni seguendo poi l’evoluzione della tecnologia: dalla camera oscura della fotografia analogica, alla fotografia digitale, alla postproduzione. È stato professore ordinario di Geografia all’Università di Bologna, dove ha compiuto ricerche in tutti i continenti, Antartide compresa. Dalle esperienze accumulate in anni di viaggi ha fatto del reportage un sicuro riferimento della sua produzione fotografica. Tra le regioni visitate, l’Africa e l’America latina sono quelle che hanno fornito le maggiori occasioni di reportage fotografico. L’altra grande passione è la natura, le cui maggiori soddisfazioni sono legate alla fotografia ravvicinata e macro.Attualmente è presidente del Circolo Fotografico Petroniano AVIS di Bologna.

Sara Colombazzi
Laureata in ingegneria edile, si avvicina alla fotografia durante l’università realizzando fotografie dedicate all’architettura e al paesaggio. Successivamente il suo interesse si sposta verso il reportage, la sua attenzione è rivolta al sociale. Realizza progetti in collaborazione con l’U.D.I. (Unione Donne in Italia), associazione Lavitabella, associazione Portland-Bologna Sister City, associazione L’Idea, associazione Il Nido della Valle, A.I.D.O., Regione Emilia-Romagna, Provincia di Bologna, IT.A.CA’ (festival del turismo responsabile).
Espone reportage fotografici in varie città italiane, a Bologna presso Palazzo Accursio, l’Archiginnasio, sedi di quartiere e comuni della Provincia di Bologna.
Da anni è curatrice di mostre fotografiche collettive, corsi e concorsi fotografici.

Jago Corazza www.iago.com
Giornalista e regista, ma soprattutto fotografo e viaggiatore, ha iniziato collaborando a soli 15 anni con un’importante agenzia fotografica bolognese. La passione per i viaggi lo ha poi spinto in tutto il mondo prima come viaggiatore e poi come guida. Pubblicando spettacolari reportage di viaggio ha realizzato servizi e documentari in tutta l’Europa e poi in Africa e negli altri continenti per un totale di circa 100 Stati. Per la televisione e il cinema ha realizzato inoltre serie documentaristiche, spot pubblicitari, documentari, cortometraggi, monografie e importanti programmi televisivi musicali come Mi Ritorni in Mente (RaiUno), Help (TMC2) e Roxy Bar (Mtv) premiato con tre Telegatti. Ha collaborato con Luciano Pavarotti alla realizzazione del “Pavarotti and friends” e come produttore e paroliere ha firmato lavori discografici di diversi artisti. Insegnante di regia e direzione della fotografia in istituti tecnici professionali, utilizza tutte le tecnologie più avanzate per la produzione prodotti multimediali (Inter F.C., West Union, Collection M.M, Bologna Fiere, Fierarredo, ArteFiera, Eima). In collaborazione con Columbia America e Ferrino ha progettato ExplorerCafe.net, un grande portale internet per viaggiatori di tutto il mondo. In collaborazione con Collection Eventi & Produzioni Tv produce da anni eventi in onda sulle più grandi emittenti nazionali come Sfilata d’Amore e Moda (Rete 4), Watershow Premio Civitas con Sophia Loren (Rai 2 Prima serata), Gran Galà del Benessere, Crossroads, D’estate Caserta, Fashion Circus, Watershow (Rai 1 Prima serata) ecc. Nel 2002 ha portato a termine una spedizione senza precedenti di 64.680 chilometri attorno al mondo, definita dalla CNN “unica e assolutamente irripetibile”, seguita dai più importanti quotidiani e televisioni mondiali e raccontata da due volumi e da 35 puntate televisive. Nel 2004 assieme a Rhett Turner realizza per la CNN Turner Classic Movies un documentario sul Verrocchio che viene premiato in America con il Telly Award per la cultura, uno dei massimi riconoscimenti mondiali in ambito televisivo. In seguito, sempre con Turner, realizza per l’High Museum di Atlanta un filmato sull’architetto Renzo Piano. Tra i molti passaggi televisivi partecipa al “Maurizio Costanzo Show”, a TG5 e a “Tutte le Mattine” ecc. Presidente dell’Associazione di Fotografia Naturalistica Italiana e responsabile della sezione antropologica della rivista Oasis, ha al suo attivo decine di pubblicazioni editoriali con diverse testate e case editrici, tra cui White Star e National Geographic, con cui ha realizzato importanti monografie a carattere antropologico come “Gli ultimi uomini”, un viaggio tra le ultime tribù preistoriche della terra, “Luci e ombre del sol levante” un indagine tra i contrasti della società giapponese, “Abitare il mondo”, un viaggio nell’evoluzione dello spazio umano, “People at work”, l’arte di vivere e di sopravvivere nel mondo o “Popolazioni Invisibili” viaggio tra le minoranze etniche del mondo.

Tiziana Marongiu https://anaizit.online/
Inizia giovanissima come ufficio stampa e presto comincia a lavorare al Sole 24 ore Radiocor, l’agenzia di informazione finanziaria del gruppo. Da quel momento si impegna nelle nuove tecnologie, con grandi aziende e gruppi bancari nazionali, occupandosi dell’ambito editoriale, delle relazioni esterne e dei grandi eventi. Consulente della prima società italiana di brokeraggio sul LME (London Metal Exchange), collabora a lungo con il settore bancario, nel campo delle relazioni istituzionali e della comunicazione. Dal 2009 al 2012, lavora al riposizionamento sul mercato della testata “Investire”.
Attiva da sempre nel’organizzazione di eventi in diversi settori culturali e nel sociale, nel 2014 fonda l’Associazione BellaVista, concretizzando l’obiettivo di mettere la propria esperienza al servizio della società civile, creando una capillare rete di professionisti/volontari provenienti da diversi ambiti, condividendo con loro l’interesse per la promozione e la crescita culturale.
Fotografa autodidatta con la passione per la foto-documentazione, si definisce «un garzone di bottega che usa la fotografia per scrutare il mondo».  

Massimo Mezzetti
È nato a Roma nel 1962, vive a Modena. È stato assessore regionale alla Cultura e Sport della Regione Emilia-Romagna per due legislature. Ha studiato all’Università di Roma (Lettere e Filosofia) e presso la Facoltà Valdese (Teologia), preludio all’impegno in campo teologico e nello studio delle culture religiose.
Dopo numerose esperienze politiche nell’ambito della sinistra sin dalla metà degli anni Settanta, nel 1995 ha coperto l’incarico di assessore comunale di Modena alla Cultura, sport, politiche giovanili e città telematica.
Eletto nel 2000 consigliere regionale dell’Emilia-Romagna, è stato riconfermato nel 2005; dal marzo 2009 ha presieduto la Commissione consiliare Turismo, cultura, scuola, formazione, lavoro e sport.

Michele Smargiassi
Giornalista, è a Repubblica dal 1989, dove si occupa di società, cultura e politica. Cura il blog Fotocrazia. Laureato in Storia Contemporanea all’Università di Bologna, è membro del comitato scientifico del Centro Italiano per la Fotografia d’Autore di Bibbiena. Prima di Repubblicaha lavorato all’Unità.
Ha pubblicato, tra gli altri, Donne di questo mondo (Diabasis, 2003), scritto con Uliano Lucas, Un’autentica bugia. La fotografia, il vero, il falso (Contrasto, 2009) e Ora che ci penso. La storia dimenticata delle cose quotidiane (Dalai Editore, 2011).

Nik Soric http://www.niksoric.it/
Negli anni ‘80 gira l’Australia, Sud Est Asia, Africa e Medio Oriente. Qui inizia il suo interesse per l’immagine che lo porterà  con tempo dedicarsi totalmente ad essa approdando inizialmente ,e con grande successo nel settore industriale.Inizia così a collaborare con le grandi aziende come: Datalogic,Wella,Omnicom,Autostrade etc e diversi quotidiani come:La Reppublica,Il Resto Del Carlino e mensile tedesco Cutwalk.Nik Soric è oltre essere un fotografo e videomaker anche un noto polistrumentista (ha collaborato con Mauro Pat Patelli-storico chitarrista di Luca Carboni, Gigi Cavalli Cocchi – batterista di C.S.I. e Ligabue e tanti altri. Grazie a queste doti Nik è conosciuto e apprezzato al livello internazionale è il suo grande amore per la musica l’ha portato a specializzarsi sull settore “musicale” rendendolo capace di cogliere i momenti significativi di un concerto, un backstage, una registrazione in studio. E’ il fotografo e videomaker abituato ad agire e ragionare a 360 gradi abituato a collaborare con musicisti e artisti in genere, sia che si tratti di immortalare eventi, ideare un video ma a giusta ragione anche per “progettare” insieme la copertina di un CD o creare strategie promozionali legate al mondo dell’arte, della musica e dello spettacolo.Sfidare categoria senza sfidare autenticita’ e discipline di alcuna di queste categorie è un raro e pericoloso cavo di alta tensione atto da questo artista ,è bilanciato sapientemente anno dopo anno, foto dopo foto…Collabora intensivamente con Shopville Gran Reno (“Tieni Il Palco” contest), San Luca Sound, Zona Roveri – FOH Music Factory. Scrive e fotografa per la webzine Rockit,e la rivista Rolling Stone.


Annalisa Vandelli http://www.annalisavandelli.it/
“Lavoro il più possibile nei Paesi cosiddetti in via di sviluppo, anche se quella via facciamo tutti un po’ fatica a trovarla. Ho un cane etiopico, un gatto formiginese e una speranza: che si possa usare la luce, oltre che per fotografare, anche per scrivere; così tento da svariati anni…” Dopo il diploma conseguito al liceo classico Muratori di Modena, si laurea con lode in lettere moderne all’Alma Mater di Bologna.Collabora con radio, giornali e televisioni locali modenesi, poi lavora per 7 anni nell’Ufficio Stampa e Comunicazione della multi utility Sat Spa fino al 2007, quando si trasferisce per un anno in Etiopia a scrivere il romanzo breve Scritto sull’acqua con fotografie di Uliano Lucas, diventato poi opera teatrale interpretata da Ivana Monti, Anna Palumbo e Teri Weikel.Da allora, lavora come fotoreporter freelance soprattutto in zone di emergenza e Paesi cosiddetti “in via di sviluppo” come Etiopia, Nicaragua, Tunisia, Guatemala, Pakistan, Territori Palestinesi, Kenya, Saharawi, Egitto, Albania, El Salvador, Giordania, Libano…Nel 2012 scrive Magnitudo Emilia edito da Artestampa con fotografie di Luigi Ottani, divenuto pure opera teatrale di successo.Pubblica diversi saggi e romanzi, alcuni dei quali tradotti in lingua inglese e spagnola.Dirige due riviste: Afro – dall’Africa sull’Africa con sede a Carsoli (L’Aquila) e Il Barrito del mammut con sede a Scampia (Napoli).Collabora con il Ministero degli Affari Esteri Italiano. Suoi articoli, video interviste e fotografie sono stati pubblicati su diversi giornali, radio e televisioni come Il Corriere della Sera, Rai, Repubblica.tv, Avvenire, L’Espresso, Huffington Post, Dire, Sovvenire e altri.Dal 2015 insegna fotogiornalismo presso l’Università di Roma 3.La sezione pontificia Migranti e Rifugiati utilizza le sue fotografie abbinandole alle parole di Papa Francesco in tema di promozione integrale della persona, soprattutto migrante.
Premi e Riconoscimenti: 2008 – Premio giornalistico Hombres2012 – Riconoscimento internazionale Profilo Donna2013 – Menzione d’onore del premio Albero Andronico2014 – Premio Nazionale Mediterraneo2017 – Premio Donne in Ri Nascita.

3. MOSTRA

Le 4 migliori foto (3 scelte dalla giuria e una dal pubblico con la votazione nella pagina Facebook) saranno ospitate nella mostra “Every day Climate Change” e la premiazione avverrà nel contesto dell’inaugurazione della mostra il giorno 14 marzo 2020 alle ore 10.30 presso l’Archiginnasio di Bologna.

4. DIRITTO D’AUTORE

Il partecipante, per tutte le opere candidate, concede al Green Social Festival una licenza d’uso completa, non esclusiva, irrevocabile e a tempo indeterminato. Tale liberatoria vale anche nel caso in cui sostenitori del festival (patrocinatori o sponsor) dovessero farne richiesta d’utilizzo per promuovere le loro attività in ambito culturale e artistico. L’autore, il cui nome verrà sempre indicato, mantiene comunque i diritti morali sulla propria opera nonché la proprietà intellettuale della stessa.

5. ACCETTAZIONE DEL REGOLAMENTO

Con l’iscrizione al concorso, l’Autore accetta il presente regolamento e dichiara di possedere la paternità e i diritti di utilizzo dell’immagine presentata e le eventuali necessarie liberatorie.

6. ANNULLAMENTO DEL CONCORSO

Se per qualsiasi motivo il concorso non sarà in grado di funzionare come previsto, a causa di infezioni da virus informatici, bug, worm, trojan, attacchi, manomissioni, interventi non autorizzati, frodi, guasti tecnici o qualsiasi altra causa che corrompa o influenzi la gestione, la sicurezza, la correttezza, l’integrità o il corretto svolgimento del concorso stesso, Green Social Festival  si riserva il diritto, a propria esclusiva discrezione, di squalificare qualsiasi individuo che alteri il processo di iscrizione, e/o di annullare, interrompere, modificare o sospendere il Concorso. Green Social Festival non è responsabile dell’eventuale annullamento o modifica dei premi messi in palio dagli sponsor partner. In caso di annullamento o sospensione del concorso, Green Social Festival non conserverà alcun diritto sulle fotografie presentate.

8. PRIVACY

I dati personali forniti dal partecipante con la compilazione della scheda di partecipazione saranno raccolti e trattati con e senza l’ausilio di strumenti elettronici, nel pieno rispetto di quanto previsto dal D.Lgs 196/2013 e dai relativi provvedimenti attuativi del Garante per la protezione dei dati personali per le finalità legate alla presente iniziativa, nonché per un periodo di tempo proporzionato rispetto a tale iniziativa in funzione della quale viene svolto il trattamento.
Il conferimento dei dati personali da parte degli interessati è facoltativo ma un eventuale mancato conferimento dei dati e del loro consenso al loro trattamento comporterà l’impossibilità di partecipare al Contest.

Titolare del trattamento è GOOD EVENT DI PAOLO AMABILE – VIA VERDI 62 – 40056 VALSAMOGGIA (BO) – P.IVA 03596951206

I partecipanti potranno esercitare in qualsiasi momento i diritti previsti dall’art.7 del D.Lgs 196/2013, ovvero il diritto di accesso ai propri dati personali, l’indicazione dei soggetti che possono venire a conoscenza dei predetti dati nonché delle finalità e modalità di trattamento, il loro aggiornamento, rettifica o integrazione, la cancellazione, la trasformazione in forma armonica o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, il diritto di opporsi per motivi legittimi al trattamento dei dati stessi. I dati informativi raccolti per la gestione del premio verranno utilizzati da Green Social Festival ai soli fini dell’organizzazione e svolgimento del Contest, per individuare i vincitori e per identificare gli autori delle fotografie nelle varie occasioni in cui queste saranno esposte o pubblicate e per le comunicazioni relative al Contest stesso, saranno inoltre comunicati per motivi organizzativi, alla Giuria e/o a terzi, i cui servizi vengano richiesti dal titolare del trattamento dei dati per finalità relative al Concorso. In ogni caso i dati personali non saranno ceduti a terzi. La richiesta di cancellazione dei dati nel corso del presente Concorso comporterà l’invalidazione dell’eventuale vincita.

Con il sostegno di